BUONO MOBILITÀ: FINO A 500 EURO PER L’ACQUISTO DI BICICLETTE ELETTRICHE

UN INCENTIVO ALLA MOBILITÀ SOSTENIBILE PER IL RILANCIO DEL PAESE

IL BONUS

SI RIPARTE IN BICICLETTA

In questo periodo di grandi evoluzioni, la bicicletta elettrica rappresenta per il cittadino la possibilità di andare “un po’ più in là”. Si guarda infatti alla bicicletta, anche elettrica, per riprendere a fare attività fisica, per arrivare più lontano che a piedi e più veloci che in macchina, per superare i problemi di sovraffollamento e congestione del traffico.

Con la conversione in legge del Decreto Rilancio la copertura complessiva stanziata dal Governo per il buono mobilità è di 190 milioni di euro, a cui contano di aggiungersi ulteriori 50 milioni, con lo scopo di agevolare la mobilità sostenibile e rispondere alle necessità di distanziamento sociale.  Il buono all’acquisto sarà valido sino a esaurimento risorse. Un piano d’incentivi rivolto al ciclista urbano che permette un notevole risparmio, ma come funziona e come si ottiene?

L’incentivo bici elettriche, ribattezzato “bonus bici”, copre il 60% della spesa sostenuta per acquistare il mezzo o il servizio fino ad un massimo di 500 euro.

Inoltre, per agevolare l’utilizzo delle biciclette e rendere più sicure le strade, è prevista la realizzazione di apposite bike lane, come si può leggere sul sito ufficiale del Governo.

500

A CHI SPETTA IL BUONO MOBILITÀ

Il buono mobilità potrà coprire fino al 60% della spesa d’acquisto entro un massimo di 500 euro. Calcolatrice alla mano, per poter usufruire dell’ammontare massimo di 500 euro, bisognerà acquistare una e-bike con prezzo pari o superiore a 833,33 euro.

L’incentivo spetta a tutti i cittadini che abbiano compiuto almeno 18 anni, residenti in:

  • comuni con popolazione al di sopra i 50mila abitanti;
  • capoluoghi di regione anche sotto i 50mila abitanti;
  • capoluoghi di provincia anche sotto i 50mila abitanti;
  • comuni delle Città Metropolitane anche sotto i 50mila abitanti, (le Città metropolitane sono 14: Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma Capitale, Torino, Venezia. L’elenco dei Comuni appartenenti alle suddette Città metropolitane è consultabile sui relativi siti istituzionali. Per la popolazione dei Comuni si fa riferimento alla banca dati Istat relativa al 1 gennaio 2019).

Il buono ha efficacia retroattiva e può essere richiesto da tutti coloro che hanno fatto acquisti a partire dal 4 maggio. In alternativa, il buono potrà essere richiesto in forma digitale prima dell’acquisto, in via telematica, non appena sarà attiva l’applicazione web che sta preparando il Ministero dell’Ambiente.

APP

COME RICHIEDERE IL CONTRIBUTO

Il buono mobilità potrà essere fruito attraverso un buono spesa digitale che i beneficiari potranno generare sull’applicazione web: la piattaforma genererà il buono spesa elettronico da consegnare ai fornitori autorizzati, insieme al saldo a proprio carico, necessario per ritirare la bici elettrica.
Per ottenere il buono bici è necessario:

  • conservare il titolo che ne attesti l’acquisto;
  • accedere con lo Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale) all’applicazione web in via di predisposizione da parte del Ministero dell’ambiente;
  • inserire i propri dati per generare il buono spesa.

Scopri i punti vendita Italwin

fino a fine fondi

FINO A QUANDO SI POTRÀ RICHIEDERE

La copertura complessiva stanziata dal Governo per il buono mobilità è di 190 milioni di euro fino a esaurimento fondi, ragione per cui è meglio approfittarne subito e non rimandare l’acquisto.

L’incentivo potrà essere usato una sola volta per ogni cittadino.

NB: il contenuto informativo di questa pagina è aggiornato a luglio 2020.